Contattaci subito: 055 5387207
Dalla liposuzione alla mastoplastica additiva, la Chirurgia estetica può aiutarti.

La Chirurgia Plastica Estetica

Le Protesi Mammarie Scoppiano in Aereo? È Solo una Falsa Credenza

In tanti anni di attività professionale, quella delle protesi al seno che scoppiano in aereo è una delle più inverosimili credenze in cui mi sono imbattuto.

Nella realtà non è mai avvenuto che le protesi siano scoppiate in aereo, la falsa e inaudita notizia risale a diversi anni fa, e la signora che simulò questo “incidente” al fine di truffare la sua assicurazione ne rispose penalmente.

Cosa risponderei se una mia paziente mi chiedesse se può volare con le protesi al seno? Credo che la inviterei semplicemente a riflettere sul fatto che su un volo di linea la pressione in cabina si mantiene costantemente a un valore simile a quello  che abbiamo in montagna, a 1.500/2.500 metri, provocandoci al massimo un lieve fastidio alle orecchie. E’ del tutto impossibile che nella cabina di un aereo avvenga una depressurizzazione tale da creare un danno, non tanto a un impianto mammario in silicone, ma al nostro organismo in generale!

Quindi la mia risposta sarebbe: “stai tranquilla, le protesi al seno non scoppiano in aereonon lasciarti suggestionare dalle credenze, ma rivolgiti sempre a un esperto se hai bisogno di chiarire un dubbio”.

La chirurgia estetica è un argomento di cui oggi si parla molto, ma spesso senza la necessaria competenza e chiarezza. E’ questo il motivo per cui molte persone nutrono tuttora ansie infondate, sui trattamenti chirurgici, ma anche su quelli estetici, frutto di notizie prive di un pur minimo fondamento scientifico, diffuse sul web, sui giornali e in televisione col solo scopo di sorprendere e interessare il pubblico.

Come professionista del settore so che gli impianti in silicone di ultima generazione e della migliore qualità sono creati e testati per resistere ad ogni tipo di sollecitazione. In quanto dispositivi medici, prima di poter essere approvati e immessi in commercio subiscono numerosi test, anche in vasca iperbarica, per verificare la loro resistenza all’usura, allo stress meccanico, a fortissime variazioni di pressione e impatti molto violenti, che nella realtà non potrebbero verificarsi neppure se la paziente con protesi subisse incidenti o cadute gravi.

Le protesi mammarie non “scoppiano” in aereo, perché non ne avrebbero alcun motivo, ma prima di tutto sono sicure, progettate per resistere nel tempo ad ogni prova. Questa consapevolezza deve accompagnare sempre le pazienti che hanno fatto l’intervento, per affrontare con tranquillità gli impegni quotidiani e soprattutto i normali screening, come la mammografia: nessun rischio di rompere la protesi, anche perché in questo caso la pressione esercitata è di due chili o poco più.         
La rottura, del resto, oggi è un evento estremamente raro, anche nel lungo termine, e comunque meno temibile di quanto potesse essere in passato, perché il robustissimo involucro multistrato della protesi contiene un gel altamente coesivo, che non si disperde nell’organismo, neppure in caso di danni accidentali.

Hai bisogno di altri approfondimenti? Chiamami in studio per fissare un consulto, o visita la pagina dedicata a questo argomento.