Contattaci subito: 055 5387207
Dalla liposuzione alla mastoplastica additiva, la Chirurgia estetica può aiutarti.

La Chirurgia Plastica Estetica

Medicina estetica

Carbossiterapia: Scopri Perché è Il Trattamento Che Fa Per Te

· Medicina estetica, News · Comments Off on Carbossiterapia: Scopri Perché è Il Trattamento Che Fa Per Te

Scopri tutte le potenzialità di un trattamento con anidride carbonica: questo gas naturale, somministrato localmente, migliora il tono e la compattezza della cute del viso e del corpo, è ottimo per il dimagrimento localizzato e la cute a “buccia di arancia”, e molto di più.

 

carbossiterapia

 

 

 

Varie aree del viso e il contorno occhi possono trarre benefici da un protocollo di ringiovanimento con carbossiterapia.

 

 

 

 

Oggi l’aspetto fisico riveste un ruolo importante e ci condiziona anche nelle interazioni lavorative e sociali. Lo specchio che rimanda un’immagine appesantita e segnata dal tempo ci fa sentire insicuri, ci toglie entusiasmo e energia.

Tornare a piacersi e sentirsi a proprio agio con il corpo è un obbiettivo importante, che oggi puoi raggiungere grazie ai più innovativi ed efficaci trattamenti di medicina estetica, come la carbossiterapia.

 

La carbossiterapia è il trattamento che offre i risultati migliori in caso di lassità cutanea del viso e del collo, ma anche nella perdita di tono di aree critiche del corpo, come le braccia e l’interno coscia.

 

Come si effettua?

L’infiltrazione intradermica superficiale di piccole quantità di anidride carbonica, purissima e sterile, avviene attraverso un microago. Tutti i parametri di erogazione sono controllati da un apparecchio elettromedicale di ultima generazione, in modo tale che la terapia risulti indolore, causando al massimo un lieve e transitorio fastidio nella zona trattata. Le sedute hanno breve durata e permettono un’immediata ripresa delle normali attività.

 

Quali risultati ottieni con la carbossiterapia?

L’azione della CO2 a livello locale determina un immediato aumento del microcircolo e dell’ossigenazione dei tessuti. La pelle riceve un forte stimolo alla produzione di nuovo collagene e fibre elastiche nel derma.  Il risultato, visibile fin dalle prime sedute, è una pelle più compatta e rassodata, idratata, vitale, ringiovanita dall’interno in modo del tutto naturale.

 

Effetto “antiage”, ma non solo!

L’azione della CO2 non si limita al ringiovanimento di viso, collo e altri distretti corporei: l’anidride carbonica si può impiegare sul cuoio capelluto, per combattere la perdita di capelli, o sulle zone dove si sono depositati cuscinetti, per assottigliare il pannicolo adiposo e combattere la cute “a buccia di arancia” e la cellulite

 

Vuoi capire perché la carbossiterapia è il trattamento che fa per te? Chiama subito in studio per prenotare una consulenza, esamineremo insieme il tuo caso specifico e potrai chiarire ogni tuo dubbio

Sotto l’albero il regalo più gradito: la bellezza!

· Medicina estetica, News · Comments Off on Sotto l’albero il regalo più gradito: la bellezza!

I più innovativi trattamenti di medicina estetica per il viso e per il corpo, sempre più amati da uomini e donne,  sono un dono ideale per il Natale, perché adatti ad ogni età e ad ogni esigenza.
Per valorizzare la propria immagine, attenuare i segni del tempo, correggere grandi e piccoli inestetismi del viso e del corpo oggi esistono tecniche mini invasive che abbinano efficacia e sicurezza, donando risultati naturali.
Fra i trattamenti più richiesti c’è la “biorivitalizzazione”, adatta anche in giovane età per uniformare la pelle e mantenerla luminosa ed elastica, specialmente in caso di esposizione solare prolungata. Sulle pelli più mature la biorivitalizzazione tradizionale, a base di acido ialuronico e altre preziose sostanze, ha un’azione antiaging naturale, perché  stimola la produzione di nuovo collagene e elastina nel derma: un utilissimo trattamento di base, che può essere inserito in un protocollo mirato di ringiovanimento, che può includere filler, tossina botulinica, fili di sospensione, aumento del volume degli zigomi e delle labbra con filler o lipofilling.
In alternativa, per contrastare i danni dell’invecchiamento in modo progressivo e naturale, è ottima l’alternanza di radiofrequenza abbinata a  ultrasuoni  con sedute settimanali di PRX-T33, uno speciale “peeling” che rigenera la pelle in profondità.
Una categoria di peeling molto particolare, che offre il duplice vantaggio di eliminare macchie e ipercromie e migliorare la qualità della pelle è quella dei cosiddetti depigmentanti, come Me-line, efficace su qualsiasi fototipo e con un protocollo semplice, da proseguire a casa per alcune settimane.
Sempre nell’ambito dei trattamenti estetici ambulatoriali, è sempre più apprezzata la carbossiterapia, rapida, indolore e priva di effetti indesiderati, adatta a tutti, anche perché basata sull’infiltrazione di anidride carbonica pura,  una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo. Questo gas, veicolato a livello intradermico, è in grado di ripristinare il microcircolo e di riattivare il metabolismo fisiologico della pelle, per restituirle compattezza ed elasticità.
La carbossiterapia si rivela molto utile anche per combattere la lassità cutanea, l’effetto a buccia di arancia e la cellulite, che spesso si accompagna all’accumulo di adipe in alcune aree particolarmente soggette. Per la riduzione dello spessore del pannicolo adiposo è indicato l’ossigeno medicale puro, veicolato a livello locale con la stessa tecnica, che ha la capacità di distruggere la membrana esterna degli adipociti, garantendo un rimodellamento effettivo di lunga durata.
In alcuni casi, può essere complementare alla cavitazione medica,il trattamento di elezione per combattere gli accumuli di grasso localizzato in varie aree del corpo, prevalentemente addome, fianchi, “maniglie dell’amore”, pancia, glutei e cosce.
Iniziare nella stagione invernale un ciclo di sedute di cavitazione, radiofrequenza,o altri eventuali trattamenti mirati, permette di recuperare con naturalezza e gradualità la forma desiderata, in alternativa alla scelta chirurgica.

Dopo l’estate, curiamo la pelle con la biorivitalizzazione

· Medicina estetica, News · Comments Off on Dopo l’estate, curiamo la pelle con la biorivitalizzazione

Dopo il rientro dalle vacanze è molto importante riservare attenzioni speciali alla pelle, resa arida e più vulnerabile dall’esposizione al sole, soprattutto in alcune aree critiche.
La biorivitalizzazione è un “trattamento di base” specifico per limitare i danni ossidativi, ritardare l’invecchiamento cutaneo e restituire alla pelle un aspetto più giovane e sano.
***
In trattamento di biorivitalizzazione tradizionale, a base di acido ialuronico, rappresenta una soluzione ideale quando la pelle ha perso la sua naturale vitalità e ha bisogno di recuperare un giusto grado di idratazione, dal momento che questa sostanza ha la prerogativa di attrarre e trattenere le molecole di acqua nei tessuti. L’acido ialuronico inoltre, essendo un componente naturale della pelle, è una sostanza sicura, del tutto biocompatibile e riassorbibile.
Oggi esistono varie alternative alla biorivitalizzazione tradizionale, come il PRX abbinato a sedute di radiofrequenza, ideale anche per chi non gradisce l’impiego di aghi. Altre procedure, come la carbossiterapia e l’ossigenazione percutanea, espletano una funzione bioristrutturante in modo del tutto naturale, senza utilizzare alcuna sostanza, ma esclusivamente attraverso la perfusione di anidride carbonica o ossigeno, a seconda delle indicazioni. Questi trattamenti, privi di effetti collaterali e adatti a ogni età, migliorano il microcircolo, l’elasticità e la tonicità della pelle, con un visibile effetto di ringiovanimento.

I vari trattamenti di biorivitalizzazione possono offrire ottimi risultati su varie zone del corpo:

Area della fronte La zona glabellare (in mezzo alle sopracciglia) è soggetta alla comparsa precoce di rughe, anche a causa della mimica facciale.
Resa particolarmente arida dall’esposizione al sole, la pelle della fronte e delle tempie recupera freschezza e appare più distesa grazie all’acido ialuronico.
Se necessario, le rughe espressive possono essere attenuate con la tossina botulinica, mentre le macchie, che molto spesso si formano in questa zona, possono essere eliminate con specifici prodotti depigmentanti, come Meline.
Area perioculare La cute intorno agli occhi è particolarmente delicata e sottile, tanto che le linee perioculari (o zampe di gallina) si formano già in giovane età. La biorivitalizzazione è ideale per restituire freschezza all’area perioculare e migliorare il tono della pelle, mentre per distendere le piccole rughe si può ricorrere alla tossina botulinica.
Guance e zigomi La pelle in questa area, specialmente se trascurata e inaridita, perde facilmente tono e compattezza, dando al viso un aspetto “cadente”. Con l’acido ialuronico è possibile restituire maggior turgore ai tessuti, idratandoli e stimolando il metabolismo cutaneo. Se necessario possiamo aumentare la proiezione degli zigomi, in modo che il viso appaia più definito e visibilmente più giovanile. Anche in questo caso, le eventuali macchie possono essere eliminate con il trattamento specifico.
Labbra e area periorale Anche la bocca subisce i danni del sole e della disidratazione, che mette in evidenza le piccole rughe sopra al labbro superiore (codice a barre). Il trattamento con acido ialuronico attenua questo inestetismo, e può essere utile anche per compensare la perdita del volume naturale delle labbra, restituendo alla bocca espressività e sensualità.
Collo e  décolletè Spesso diamo la massima attenzione al viso, trascurando zone altrettanto importanti, come collo e décolletè, che l’esposizione prolungata al sole rende aride e invecchiate. Con l’acido ialuronico possiamo far tornare la pelle più fresca e idratata, ma anche attenuare le eventuali rughe, dette collane di Venere, mentre per le macchie, tipiche di questa zona, si può ricorrere al trattamento specifico.
Mani Anche le mani sono una parte troppo spesso trascurata, la pelle stressata e disidratata ha bisogno del trattamento di biorivitalizzazione per tornare ad essere più elastica e compatta, e di un eventuale trattamento depigmentante per recuperare un colorito più luminoso omogeneo. Nei casi più gravi, quando il tessuto cutaneo troppo assottigliato rivela le strutture sottostanti e la mano appare come “scheletrizzata”, si può ricorrere a trattamenti più specifici, come il lipofilling

Prenota una visita per avere maggiori informazioni sulla biorivitalizzazione più adatta a te.

Il trattamento con fili Silhouette Soft: ci sono possibili effetti collaterali?

· Medicina estetica, News · Comments Off on Il trattamento con fili Silhouette Soft: ci sono possibili effetti collaterali?

I fili di trazione e bioririvitalizzazione Silhouette Soft sono molto apprezzati dai pazienti, perché permettono di ottenere un visibile effetto “lifting” sul viso e altre aree del corpo, con una sola seduta, minimamente invasiva.
L’applicazione di queste speciali suture, composte da materiali biocompatibili e completamente riassorbibili, non comporta effetti collaterali, a condizione che siano rispettati alcuni requisiti:

competenza del medico che effettua il trattamento
– esecuzione del trattamento in ambienti idonei
sterilità dei materiali e dell’area trattata

E’ altrettanto importante, sia per il risultato estetico che per la sicurezza, che il paziente si attenga scrupolosamente alle semplici raccomandazioni rivevute del medico nel periodo precedente e successivo all’inserimento dei fili Silhouette Soft.
In molti casi il medico raccomanda l’assunzione di un comune antibiotico per via orale dal giorno prima, e per alcuni giorni dopo la procedura, al fine di escludere qualsiasi possibilità di infezione.
Nei casi in cui si sia effettuato un “lifting non chirurgico” al viso, inoltre, consiglierà di evitare per tre settimane almeno trattamenti odontoiatrici (che comportano uno sforzo dei muscoli mimici e dei tessuti facciali), ma anche altri trattamenti estetici in generale, massaggi, sfregamenti del viso durante le operazioni di pulizia e trucco, esposizione a fonti di forte calore, come il sole, i lettini abbronzanti, la sauna ecc.
Il medico previene la possibile comparsa di un lieve edema localizzato con l’applicazione di compresse di ghiaccio, subito dopo il trattamento, ma è utile anche qualche accortezza nei tre giorni successivi, come dormire supini e con il capo sollevato di almeno trenta gradi.
Infine, evitare per alcuni giorni sport e attività che potrebbero causare traumatismi.

Le controindicazioni
Come ogni trattamento di medicina estetica, l’uso delle suture va evitato a priori nei casi in cui il paziente si trovi in condizioni particolari, come ad esempio la presenza di problemi cutanei localizzati nelle aree di inserimento, malattie autoimmuni gravi, gravidanza e allattamento, materiali non riassorbibili precedentemente inseriti.
Esclude l’uso di questa tecnica anche l’allergia o ipersensibilità ai componenti delle suture.
Le controindicazioni all’uso dei fili includono infine la mancanza di indicazioni: pazienti che non presentano i requisiti idonei per poter ottenere un bel risultato estetico dopo l’inserimento dei fili sono esclusi dal trattamento in fase di consulto preliminare, grazie all’esperienza del medico, che è in grado di consigliare alternative altrettanto valide.

Perché l’acido ialuronico è ideale per trattare le occhiaie

· Medicina estetica, News · Comments Off on Perché l’acido ialuronico è ideale per trattare le occhiaie

L’area del contorno occhi è contraddistinta da pelle particolarmente sottile e delicata, maggiormente soggetta allo stress ossidativo ed al fisiologico processo di invecchiamento.
Il manifestarsi di un caratteristico svuotamento dell’area perioculare è un problema estremamente diffuso, anche in giovane età, e spesso si accompagnato alla comparsa delle odiate “occhiaie”, che appesantiscono lo sguardo e ci regalano un bel po’ di anni in più.
Per far fronte a questo problema, dovuto soprattutto al progressivo riassorbimento del sottile strato adiposo che circonda l’occhio, la medicina estetica offre soluzioni non invasive, come le iniezioni di acido ialuronico, eventualmente combinate con specifici peeling in grado di eliminare il classico alone scuro.

Per il trattamento del contorno occhi esistono particolari formulazioni di acido ialuronico, caratterizzate da estrema morbidezza e ottima adattabilità a tessuti delicati e sottili. Queste sostanze permettono ad un medico esperto di effettuare in una sola seduta una correzione ottima e assolutamente naturale delle occhiaie.
La tecnica consiste nel diffondere il prodotto nel derma, nell’area compresa fra la palpebra inferiore e l’osso dello zigomo. Il trattamento richiede pochi minuti e risulta indolore, in quanto nella formula è presente una giusta percentuale di anestetico.
Una volta iniettato l’acido ialuronico, il paziente può subito apprezzare una visibile riduzione dei solchi e delle occhiaie, oltre a uno sguardo più luminoso, effetto che si mantiene per diversi mesi, fino a un anno circa.

Nella maggior parte dei casi dopo la seduta non c’è alcun segno visibile esternamente, in altri può comparire arrossamento o un lieve ematoma nell’area trattata, che viene riassorbito naturalmente in breve tempo. Questi eventuali segni non pregiudicano l’immediata ripresa delle normali attività della giornata.

Effetto “lifting” sulle mani con i trattamenti di ringiovanimento.

· Medicina estetica, News · Comments Off on Effetto “lifting” sulle mani con i trattamenti di ringiovanimento.

Con il passare degli anni le nostre mani vanno incontro ad un naturale processo di invecchiamento, accelerato dalla costante esposizione agli agenti esterni, come raggi solari, sbalzi di temperatura, sostanze chimiche. La pelle che ne ricopre il dorso, un tempo compatta e distesa, si assottiglia sempre più a causa della perdita del grasso sottocutaneo, fino a mettere in evidenza vene, tendini e ossa. Sulla superficie cutanea appaiono macchie diffuse e, in alcuni casi, cheratosi attiniche o senili.
Cosa si può fare per riavere mani dall’aspetto più giovanile, senza rughe e macchie in evidenza che ci regalano un bel po’ di anni in più?

Innanzi tutto, per migliorare le caratteristiche di elasticità e compattezza è possibile ricorrere ad un trattamento biorivitalizzante senza aghi, il PRX T33. Si tratta di uno speciale “peeling” a base di acido tricloroacetico e perossido di idrogeno, che non è aggressivo sulla superficie cutanea ma penetra in profondità, andando a riattivare il turnover cellulare.
La “bioristrutturazione” delle mani si può effettuare anche in modo convenzionale, iniettando sotto la superficie cutanea, con sottilissimi aghi o micro cannule, soluzioni di acido ialuronico, aminoacidi e vitamine. Questa procedura risulta indolore, perché la superficie della mano è trattata preventivamente con un anestetico topico o locale.
Un ciclo di bioristrutturazione, che di solito prevede sei/dieci sedute a una settimana di distanza una dall’altra, è in grado di migliorare notevolmente il grado di idratazione della pelle che ricopre il dorso delle mani, l’elasticità e la texture, e può essere completato con sedute di radiofrequenza o con l’uso di filler riassorbibili, per un effetto riempitivo e volumizzante immediato.

Nei casi in cui il problema principale sia la pelle disidratata e spenta, costellata da macchie, la soluzione migliore è rappresentata da una speciale categoria di peeling, i “depigmentanti”, a base di  acido azelaico, tranexamico, arbutina, acido cogico e lattobionico.
Questi trattamenti servono soprattutto per uniformare il colorito della pelle, eliminando le cosiddette macchie senili, ma anche per restituirle compattezza e renderla più vitale.
Il primo trattamento ha la durata di mezz’ora circa e si esegue in ambulatorio, dopodiché la paziente prosegue a casa la cura per alcune settimane, con l’applicazione di creme specifiche che gradualmente ottimizzano e stabilizzano il risultato.

Se si desidera ottenere un vero e proprio effetto lifting, tuttavia, è possibile intervenire contemporaneamente su tutti i segni dell’invecchiamento delle mani: assottigliamento della pelle del dorso, che causa la “scheletrizzazione”, pelle secca e rugosa, macchie cutanee. La soluzione definitiva è il lipofilling, basato sul trasferimento di cellule adipose prelevate da un’area del corpo in cui sono presenti in abbondanza. Il grasso trasferito alla mano dona un risultato estremamente naturale e duraturo, senza il rischio di complicazioni o allergie. All’effetto di riempimento naturale, che ripristina l’aspetto morbido di una mano giovanile, si unisce una vera e propria rigenerazione della pelle, grazie alla presenza nel grasso trapiantato di un’elevata quantità di cellule staminali multipotenti.
Questo intervento è scarsamente invasivo e ha la durata di un’ora circa, si effettua in anestesia locale e non prevede cicatrici.

Ringiovanimento del viso per l’uomo, le ultime novità e innovazioni

· Medicina estetica, News · Comments Off on Ringiovanimento del viso per l’uomo, le ultime novità e innovazioni

Da alcuni anni ormai i trattamenti medico-estetici per mantenersi in forma e ritardare l’invecchiamento non sono più appannaggio esclusivo delle donne. Un numero sempre crescente di uomini sceglie di valorizzare e migliorare il proprio aspetto esteriore, alla ricerca di risultati naturali e in linea con le proprie caratteristiche di “mascolinità”.

Oggi diamo all’estetica una maggiore rilevanza rispetto al passato, specialmente in alcuni ambiti lavorativi e sociali in cui è importante potersi presentare sempre al meglio, evitando che il nostro sguardo tradisca i primi segni di stanchezza e invecchiamento.

 

Ringiovanimento viso per l’uomo, un’attenzione maggiore per diversi tipi di trattamenti e soluzioni

Le moderne tecniche di medicina estetica e i materiali che impieghiamo attualmente ci permettono di ottenere ottimi risultati, donando al viso un aspetto più giovanile e fresco senza alterare in alcun modo i lineamenti e l’espressività, anche nell’uomo, che spesso nella vita quotidiana non si cura affatto della sua pelle.
Proprio per questo il primo passo importante è restituire al viso l’idratazione ottimale, con trattamenti biorivitalizzanti a base di acido ialuronico e altre preziose sostanze naturali che, agendo in sinergia, “risvegliano” il metabolismo cutaneo e prevengono l’ossidazione e l’invecchiamento contrastandolo alla base.

Questi trattamenti bioristrutturanti, da ripetere periodicamente una o due volte all’anno, sono utili di per sé per mantenere la pelle più sana, tonica e compatta, ma rappresentano anche la miglior preparazione ai trattamenti più specifici per l’eliminazione delle linee espressive e delle rughe e depressioni più profonde, che in questo modo avranno risultati migliori e più duraturi.

 

Ringiovanimento viso per l’uomo, i vantaggi della tossina botulinica di tipo A

Impiegando prodotti sicuri ed efficaci a base di tossina botulinica di tipo A, approvati anche dalla FDA americana, possiamo creare un naturale effetto di ringiovanimento dell’area superiore del viso e della zona perioculare. Questo principio attivo, infatti, ha il potere di inibire temporaneamente l’eccessiva contrazione di alcuni muscoli espressivi, che creano rugosità intorno all’occhio, rughe glabellari e frontali ed un abbassamento più o meno accentuato del sopracciglio, che rende il nostro sguardo spento e poco vitale.
Gli effetti della tossina botulinica di tipo A sono transitori e completamente reversibili, di solito si mantengono per quattro mesi circa, dopodiché si può ripetere il trattamento senza rischi o effetti indesiderati.

>>> SCOPRI DI PIU’ SULLA TOSSINA BOTULINICA

 

Ringiovanimento viso per l’uomo, il filler contro le rughe profonde

Per contrastare il cedimento, la perdita di volume e le rughe profonde del terzo medio inferiore del viso invece, il rimedio più efficace e sicuro è il filler, un materiale “riempitivo” che può essere sia a base di acido ialuronico che di altre sostanze biocompatibili e riassorbibili. Esistono oggi molti prodotti con caratteristiche diverse, che si adattano alle molteplici esigenze e sono caratterizzati da tempi di riassorbimento variabili, che vanno da tre mesi a oltre un anno.

>>> SCOPRI DI PIU’ SUL FILLER

 

Gli effetti di ringiovanimento del viso sono sempre più “naturali”

E’ importante sottolineare, specialmente per il pubblico maschile, che l’uso di questi prodotti offre un effetto di ringiovanimento del tutto naturale, senza vistosi cambiamenti, che è visibile immediatamente dopo la seduta, tranne che per la tossina botulinica che manifesta i suoi effetti dopo una settimana circa.
I trattamenti estetici ambulatoriali sono quasi del tutto indolori, richiedono pochi minuti e al termine si possono riprendere le normali attività, rappresentano perciò un’ottima alternativa “mini invasiva” e meno costosa rispetto ad alcuni interventi di chirurgia estetica per il ringiovanimento del viso.

I benefici della biorivitalizzazione sulla pelle dopo l’esposizione al sole

· Medicina estetica, News · Comments Off on I benefici della biorivitalizzazione sulla pelle dopo l’esposizione al sole

Durante la bella stagione la nostra pelle è sottoposta a un forte stress, dovuto alla continua esposizione alle radiazioni solari. Quando il tono dorato e uniforme conquistato in vacanza se ne va, notiamo che la pelle appare spenta e disidratata. La soluzione è in un trattamento semplice, indolore e privo di controindicazioni, che assicura subito ottimi risultati.

E’ noto ormai a tutti che, fra i vari fattori che contribuiscono all’invecchiamento cutaneo, la fotoesposizione ha un ruolo importante. Nonostante le precauzioni e l’uso di filtri solari adeguati, la pelle dopo l’estate si mostra inaridita, il colorito spento e non uniforme.
Il trattamento più indicato per restituirle al più presto salute e vitalità, ripristinando una condizione di idratazione ottimale, è la biorivitalizzazione, che non a caso è considerata una delle risorse basilari della medicina estetica di oggi: indispensabile per prevenire lo stress ossidativo, mantenendo più a lungo possibile la naturale bellezza della pelle, ma anche preparazione ideale prima di qualsiasi altro trattamento, come filler o tossina botulinica.

La biorivitalizzazione non segue un protocollo standard, perché deve rispondere alle esigenze specifiche di ogni paziente, secondo l’età e le condizioni della pelle.
Sulle pelli giovani, la biorivitalizzazione è utile per mantenere un livello di idratazione ottimale, perché la pelle resti sana e vitale il più a lungo possibile, ritardando la comparsa delle piccole rughe espressive e dei primi segni dell’invecchiamento.
Sulle pelli più mature, la biorivitalizzazione è indispensabile per contrastare l’assottigliamento e la disidratazione della cute, grazie all’acido ialuronico, che ha la prerogativa di attrarre e trattenere molte molecole di acqua, ma anche per combattere i danni dei radicali liberi e stimolare il metabolismo naturale della cute, migliorando la sintesi del collagene.

Di solito consiglio cicli di 5/6 trattamenti biorivitalizzanti, che possono essere anche ripetuti a distanza di qualche mese. Durante le brevi sedute ambulatoriali, che permettono l’immediata ripresa delle normali attività, vado ad infiltrare nelle aree da trattare sostanze naturali, biocompatibili e del tutto riassorbibili: acido ialuronico, aminoacidi, mix di sostanze antiossidanti e stimolatori del collagene per le pelli più invecchiate.
La tecnica di infiltrazione, che risulta indolore, perché effettuata con un microago, può essere il picotage (tante piccole punturine su viso, collo e décolletè) oppure il tunnel, per i trattamenti più profondi di “bioristrutturazione” sulle pelli mature.
In alternativa è possibile ricorrere al “PRX-T33”, un trattamento ambulatoriale che non prevede l’uso di aghi e consiste nell’applicazione su viso, collo e décolleté di un gel dalla formula non aggressiva, privo di effetti indesiderati, dotato di uno straordinario effetto biorivitalizzante.
Consiglio anche in questo caso 3/5 sedute, da effettuare a distanza di una decina di giorni l’una dall’altra.

Se desideri contrastare alla radice, in modo del tutto naturale, il processo di invecchiamento della pelle, non solo di viso, collo, décolleté, ma anche di molte altre aree “critiche” del corpo, come il seno, il dorso delle mani, le braccia, l’interno cosce o la pancia, prenota subito un consulto per conoscere il trattamento di biorivitalizzazione di cui la tua pelle ha bisogno!

 

I trattamenti più efficaci per combattere i segni dell’età sul viso

· Laser e tecnologie, Medicina estetica, News · Comments Off on I trattamenti più efficaci per combattere i segni dell’età sul viso

I segni del tempo non si manifestano con caratteristiche identiche in ognuno di noi. La tipologia e l’entità dell’invecchiamento dipendono infatti da fattori individuali e predisposizione genetica. Per ogni tipo di inestetismo esiste una soluzione, o meglio più soluzioni che possiamo sfruttare contemporaneamente, per mantenere un aspetto piacevole e curato in ogni fase della vita.

————————————————————————————————————————————–

Come si manifestano i segni del tempo, e come combatterli

Età media Il sintomo I principali rimedi
Dai 25/30 anni Pieghe naso/labiali Biorivitalizzazione e filler
Oltre 30 anni Rughe mimiche delle fronte e perioculari, borse e occhiaie Scheletrizzazionedell’orbita Tossina Botulinica, filler, carbossiterapia, laser Co2 frazionato, lipofilling, blefaroplastica
Oltre 30 anni Macchie e discromie cutanee Dermamelan, peeling, laser Co2 Frazionato, bioristrutturazione
Oltre 40 anni Perdita del profilo del volto Fili di sospensione e biorivitalizzazione, lifting laser
Oltre 40 anni Perdita di volume e contorno delle labbra, codice a barre Tossina botulinica, filler, laser Co2 frazionato, lipofilling
Oltre 50 anni Rughe profonde e cedimenti Filler, lipofilling, radiofrequenza, lifting laser
Oltre 50 anni Perdita dei volumi del volto Filler, lipofilling, radiofrequenza

L’attuale approccio al problema dell’invecchiamento del viso tiene conto di un aspetto fondamentale, ossia che non solo la sua superficie visibile, ma tutte le strutture, ossa, muscoli e strati profondi della cute invecchiano. L’assottigliamento della pelle e la perdita di volume di labbra, guance e zigomi, si accompagna nel tempo allo “scivolamento” dei tessuti, con conseguente perdita dell’ovale del volto, bordo mandibolare non definito e alterazione dei lineamenti.

 

Il lipofilling, per rimodellare il viso

Il lipofilling è un approccio ideale per combattere su tutti i fronti l’invecchiamento del viso.
Si tratta di un intervento poco invasivo, che si svolge in anestesia locale ed ha tempi di recupero molto brevi.
Consiste nel prelevare con microcannule piccolissime quantità di adipe da un’area del corpo del paziente dove esso è presente in abbondanza (ad esempio l’addome) e reimpiantarle nelle zone dove è necessario ricreare volume, usando cioè il grasso autologo come il più naturale efficace dei filler.
Con l’intervento di lipofilling possiamo ripristinare i volumi perduti di guance, labbra e zigomi, attenuare rughe e depressioni, ottenere un rimodellamento plastico dell’intero volto. L’ eccezionale effetto di ringiovanimento si ottiene sia grazie all’azione “riempitiva” del grasso, che alla rigenerazione tissutale dovuta alle numerose cellule staminali multipotenti che si trovano nel tessuto adiposo.
Il risultato estetico del lipofilling è di notevole soddisfazione, estremamente naturale, dal momento che andiamo a ripristinare la condizione fisiologica di un viso giovane, i cui tratti morbidi e definiti sono dovuti alla presenza di una giusta quantità di tessuto adiposo sottocutaneo.

La blefaroplastica, per illuminare lo sguardo

La blefaroplastica è uno degli interventi maggiormente richiesti per il ringiovanimento del viso. Si svolge in anestesia locale, e il decorso post operatorio solitamente è lieve e privo di complicazioni. Permette di ottenere risultati estetici veramente ottimi e definitivi, perché eliminando la cute in eccesso della palpebra superiore, inferiore, o di entrambe, restituisce allo sguardo la vivacità perduta e toglie al viso quell’espressione cupa e accigliata che rivela inesorabilmente il peso degli anni.
La blefaroplastica può essere svolta insieme alla cantoplastica, o risollevamento del bordo esterno dell’occhio, ed al lifting del sopracciglio, nei casi in cui è necessario risollevarlo in una posizione più adeguata.
Molto spesso questo intervento si effettua insieme al lipofilling, per perfezionare l’aspetto dell’area perioculare, ma anche per ottenere un risultato di ringiovanimento globale davvero degno di nota.

Il laser resurfacing, per una pelle liscia, luminosa e priva di imperfezioni

La pelle giovane si contraddistingue per il tono, la compattezza, il colorito e la texture uniforme. Quando si desidera ottenere un miglioramento generale del viso, è molto importante considerare anche questo aspetto, ricorrendo a trattamenti di medicina estetica in grado di rinnovare con efficacia gli strati superficiali della cute, che possiamo eventualmente abbinare a lipofilling e blefaroplastica.
Oggi il trattamento di elezione per il “resurfacing” cutaneo è il laser Co2 “frazionato”, frutto di un’avanzata tecnologia che permette di agire in profondità senza creare traumi ai tessuti, consentendo così tempi di recupero brevi e la quasi totale assenza di effetti indesiderati.
Il laser Co2 nella modalità frazionata emette un fascio luminoso suddiviso in piccoli punti, che colpisce la cute causando la vaporizzazione degli strati superficiali. Con la sua azione mirata e selettiva, ci permette di ottenere un effetto di rinnovamento totale della superficie cutanea, che ha come risultato maggiore compattezza, miglioramento della texture e del colorito, eliminazione delle rughe sottili e degli inestetismi superficiali del volto.

————————————————————————————————————————————–

Conosciuto anche come Laser Skin Resurfacing, è il metodo più efficace per rinnovare la vostra pelle. E’ indispensabile un ciclo iniziale di 3 o 4 sedute e poi una seduta di mantenimento all’anno.

Chi può sottoporsi al trattamento

Possono sottoporsi a questo tipo di procedura tutte le persone che desiderano ringiovanire il viso senza ricorrere a nessun tipo di intervento chirurgico. Il laser è molto efficace anche in associazione alla blefaroplastica od al lifting del viso.

 

Ringiovanimento cutaneo Laser

Nonostante i segni dell’invecchiamento del volto siano quelli più evidenti nelle persone, sono molte quelle che non prendono in considerazione il lifting del volto per diversi motivi. Principalmente perché si pensa che sia un intervento troppo pesante e che possa produrre un risultato non troppo naturale.
Non è così se ci si indirizza ad un chirurgo plastico che usa tecniche chirurgiche moderne.

Tuttavia se proprio si vuole evitare l’intervento chirurgico fortunatamente esiste la possibilità di ringiovanire il proprio volto senza entrare in sala operatoria, grazie al laser frazionato.

Il lifting con il laser frazionato è una vera rivoluzione ed è stata possibile con l’introduzione dei nuovi laser frazionati CO2 microablativi abbinati a radiofrequenza.

Il laser Smartxide2 è l’ultima novità in campo di skin resurfacing e grazie al suo scanner innovativo può migliorare il tono e l’elasticità della pelle di tutte le persone.

Smartxide deve essere impostato a seconda della visita che viene eseguita con un chirurgo plastico in modo da essere specifico per ogni tipo di pelle ed a seconda del risultato che si vuole ottenere.

Questo laser è nato dallo studio per trattare tutte le cicatrici e perfino le cicatrici ed i segni dell’acne del viso per cui ci vuole una potenza molta elevata.

Per trattare l’invecchiamento cutaneo i parametri di potenza utilizzata sono fortunatamente molto più bassi ma grazie allo scanner i risultati sono evidenti sino dalle prime applicazioni. Inoltre l’abbinamento del laser frazionato con la radiofrequenza permette alla pelle di riprendersi molto più velocemente e di contrarsi per aumentare il tono e la compattezza tipici della gioventù.

Il laser stimola il collagene e quindi la pelle si rigenera contrastando gli effetti del tempo come rughe e lassità cutanea.

Smartxide 2 con RF permette di per trattare anche le aree “proibite”

Il collo, le labbra ed il decolletè ma anche l’area perioculare per quanto riguarda il viso.

Per il corpo tratta e mani, l’interno braccia e l’interno cosce ed altre ancora.

Il laser può agire da solo od insieme a tecniche chirurgiche soft come la blefroplastica ed il lipofilling del viso.

 

TRATTAMENTO
Generalmente sono necessari 3 o 4 trattamenti a distanza di circa 40 giorni l’uno dall’altro, molto importante sarà proteggersi dal sole sia prima che dopo.
Le applicazioni durano circa 30 minuti e sono indolore poiché viene abbinato l’uso dello Smart Cryo, apparecchiatura in grado di raffreddare la pelle ed eliminare quindi qualsiasi sensazione di dolore durante il trattamento.

Se diesiderato sarà posibile, con un laser specifico, rimuovere anche i capillari presenti.

La pelle resta arrossata per qualche ora e bisognerà raffreddarla anche quando si ritorna a casa. Bisognerà inoltre idratare i tessuti con una crema idratante per qualche giorno.

INDICAZIONI
Tutte le persone che vogliono eseguire un mini lifting con il laser frazionato per trattare le rughe più profonde, eliminando contemporaneamente pigmentazioni cutanee per tutti i fototipi.
E’ possibile estendere il lifting anche alla zona perioculare, ringiovanendo la pelle intorno agli occhi.

In alcuni casi è da valutare l’associazione con il PRP al laser.

Grazie alla tecnologia Smartstack il laser permetterà di trattare le carnagioni più scure come quelle asiatiche.

Radiofrequenza frazionata, “rinnovare” la pelle a tutto spessore

· Medicina estetica, News · Comments Off on Radiofrequenza frazionata, “rinnovare” la pelle a tutto spessore

La Radiofrequenza Frazionata rappresenta un’evoluzione della tradizionale Radiofrequenza non ablativa, da tempo impiegata con ottimi risultati per rassodare e ringiovanire la cute del viso e del corpo.
La sua caratteristica è di abbinare alla consueta azione di termostimolazione profonda di questo trattamento, che ha effetto biorivitalizzante e di ricompattamento del collagene, ad un resurfacing cutaneo, che avviene in modo delicato e non doloroso.
Con la RF Frazionata possiamo ottenere in un solo trattamento la tonificazione dei tessuti, ma anche un forte miglioramento della texture superficiale, con attenuazione di rughe, macchie, cicatrici, smagliature e altri inestetismi.
*****
La Radiofrequenza medica non ablativa è da tempo un trattamento di medicina estetica molto richiesto ed apprezzato, vista la sua provata efficacia nel rimodellamento plastico del derma.
Ci consente, con semplici sedute ambulatoriali indolori e non invasive, di contrastare i danni del cronoinvecchiamento, il rilassamento cutaneo che interessa viso e decolletè, ma anche altri distretti corporei, come addome, cosce, glutei e braccia.
Il principio su cui si basa la Radiofrequenza è il rilascio controllato di energia elettromagnetica negli strati profondi della cute, derma e strato adiposo, che produce un aumento omogeneo della temperatura.
Questo “insulto termico” non arreca danni in superficie, ma determina come risposta fisiologica la riorganizzazione e il ricompattamento delle fibre di collagene, con conseguente rassodamento e maggior tensione dei tessuti trattati.

I vantaggi della radiofrequenza non si limitano a questo. Sempre grazie alla reazione naturale del derma al calore veicolato in profondità, si liberano sostanze biologicamente attive che vanno a stimolare ed aumentare l’attività dei fibroblasti, le cellule responsabili della creazione e del mantenimento del nostro tessuto connettivo.
I fibroblasti hanno il compito di sintetizzare sostanze fondamentali come collagene e elastina, che danno alla pelle le caratteristiche di resistenza, elasticità e plasticità.

Naturalmente l’aumento della densità dermica che si verifica grazie alle sedute di radiofrequenza medica è progressivo. I miglioramenti estetici sono visibili subito dopo i primi trattamenti, ma si ottimizzano nelle settimane successive. Per questo motivo è necessario fare un programma personalizzato per le esigenze specifiche di ogni singolo paziente, dopo un’attenta valutazione delle caratteristiche della sua pelle e dell’entità degli inestetismi presenti.

L’impiego della modalita’ frazionata della Radiofrequenza medica ci permette di ottimizzare e accelerare l’effetto di ringiovanimento cutaneo.
Questa tecnologia di ultima generazione si basa sulla liberazione di archi elettrici nel punto di contatto del manipolo con la cute, che determina una vaporizzazione selettiva del tessuto, con produzione di microfori distanti alcuni micron l’uno dall’altro.
Il medico regola e controlla in ogni momento la potenza, la frequenza e il tempo di applicazione dell’energia, in modo tale che l’azione della Radiofrequenza Frazionata resti circoscritta all’area trattata, senza alcun danno ai tessuti circostanti e senza fastidio per il paziente.

Durante le sedute il paziente avverte un senso di calore e bruciore, che di solito non risulta eccessivamente fastidioso, è comunque possibile applicare preventivamente una crema anestetica.
Al termine del trattamento, sulla superficie cutanea si è creata un’invisibile alternanza di microzone di tessuto vaporizzato e di cute indenne, che fa sì che la guarigione ed il ritorno alla normalità avvenga rapidamente e senza effetti indesiderati. L’arrossamento e il lieve edema eventualmente presente si attenua nell’arco di alcune ore.

Le aree trattate con la Radiofrequenza frazionata sono soggette ad un naturale e fisiologico processo di riparazione e rimodellamento tissutale, che comporta l’attenuazione della maggior parte degli inestetismi presenti: segni di invecchiamento su collo e decolletè, ma anche smagliature, cicatrici da acne, rilassamento cutaneo del volto e di varie zone del corpo.

Per maggiori informazioni potete richiedere una consulenza personalizzata presso lo Studio al numero 055 5387207.