Contattaci subito: 055 5387207
Dalla liposuzione alla mastoplastica additiva, la Chirurgia estetica può aiutarti.

La Chirurgia Plastica Estetica

Ustioni ed esiti cicatriziali

Richiedi informazioni

Che cosa sono le ustioni?

Le ustioni sono lesioni cutanee provocate da agenti chimici, fisici o termici. Il danno tissutale è proporzionale alla temperatura e alla durata dell’esposizione.
La gravità di un’ustione è valutata in base a estensione, profondità, sede, tempo di contatto, stato di salute ed età del paziente.

In base alla profondità della lesione, le ustioni possono essere:
• di I grado: la cute si presenta arrossata, senza formazione di vescicole
• di II grado: sulla cute arrossata compaiono vescicole con un essudato fibrinoso
• di III grado: in genere non ci sono vescicole, sulla superficie dell’ustione possono formarsi pieghe e aree anomale nere o di color rosso vivo – la cute va incontro a necrosi
• di IV grado: i tessuti risultano carbonizzati, con interessamento delle strutture profonde, adipe, muscoli, ossa

Le conseguenze di un’ustione sono tanto più gravi quanto più essa è estesa; tra le complicazioni più importanti si annoverano le infezioni batteriche, la sepsi, la setticemia e lo shock da ustione, caratterizzato da vomito, convulsioni, disidratazione dell’organismo, abbassamento della pressione arteriosa, ipotermia, sintomi di insufficienza circolatoria, albuminuria e ematuria.

Come si interviene sugli esiti cicatriziali delle ustioni?

Le cicatrici permanenti lasciate dalle ustioni si possono correggere con interventi di chirurgia plastica che vanno a ricostruire il tessuto lesionato. Dopo aver valutato le condizioni di salute del paziente e le caratteristiche della lesione, il chirurgo sceglie la tecnica più adatta al caso specifico. Si tratta solitamente di innesti di cute, lembi cutanei o applicazione di espansori cutanei, in grado di correggere non soltanto l’aspetto estetico degli esiti di ustione, ma anche attenuare il fastidio o dolore che possono provocare.