Contattaci subito: 055 5387207
Dalla liposuzione alla mastoplastica additiva, la Chirurgia estetica può aiutarti.

La Chirurgia Plastica Estetica

Cellulite: quando la cavitazione medica rappresenta la scelta più adatta

· Chirurgia estetica, News · Comments Off on Cellulite: quando la cavitazione medica rappresenta la scelta più adatta

Con l’avvicinarsi dell’estate torna la preoccupazione per la nostra forma fisica. La cavitazione medica è una soluzione molto efficace e sicura per rimodellare il corpo, senza dover ricorrere alla liposuzione, ma è giusto ricorrere a questo trattamento quando il problema principale da combattere è la cellulite?

***********

La cellulite è un vero e proprio “disordine” a carico del tessuto superficiale e dello strato adiposo sottostante, che in condizioni normali funge da riserva energetica per il nostro organismo: seguendo una dieta che rende negativo il bilancio calorico quotidiano, i grassi accumulati dovrebbero essere rapidamente metabolizzati, ma in realtà questo avviene solo a condizione che nell’interno della massa adiposa vi sia una microcircolazione ottimale, e un’adeguata distribuzione delle molecole di grasso.

La cavitazione è un trattamento molto adatto per combattere la cellulite, sia in stadio iniziale, con pelle a buccia di arancia, che in stadio più avanzato, con presenza di micronoduli e di fibrosi. In questi casi, naturalmente, la competenza del personale medico a cui ci si affida è decisiva, sia ai fini del successo del trattamento che per evitare di mettere a rischio la propria salute.

In base alla mia esperienza nel trattamento della cellulite, ho constatato che i tessuti colpiti da questa alterazione possono essere trattati più efficacemente abbinando i vantaggi di due tecnologie, ultrasuoni e radiofrequenza, perché in questo modo all’eliminazione delle cellule adipose si abbina un forte effetto stimolante sul microcircolo, l’ossigenazione e la tonicità dei tessuti.
L’apparecchiatura ad ultrasuoni e radiofrequenza disponibile in studio, MC1 Multipower, ha funzionalità specifiche per il trattamento dei vari stadi di cellulite. Lo speciale manipolo, che durante la seduta alterna automaticamente potenze e frequenze diverse, effettua una sorta di massaggio meccanico sulla massa adiposa, con un duplice risultato: colpire e distruggere gli adipociti tramite l’effetto di cavitazione, riattivare la circolazione sanguigna distrettuale, aumentando l’ossigenazione dei tessuti. Lo smaltimento dei liquidi e delle tossine, principali responsabili della cellulite, attenua l’ edema e migliora visibilmente l’aspetto della cute. Per potenziare ulteriormente gli effetti, in alcuni casi il medico può abbinare alle sedute con il macchinario l’infiltrazione nel tessuto adiposo di appositi farmaci.

I vantaggi della cavitazione abbinata ad ultrasuoni nel trattamento della cellulite possono essere così riassunti:

– non è un sistema invasivo, provoca al massimo una sensazione di intenso calore, limitatamente alla prima fase della seduta in cui si applica una modalità “d’urto”
– riduce la circonferenza e migliora l’aspetto delle zone trattate senza chirurgia, quindi senza bisogno di anestesia e convalescenza
– è sicuro, perché non danneggia i vasi sanguigni, i nervi e il tessuto connettivo circostante, non ha fastidiosi effetti collaterali nè postumi
– è efficace, la riduzione del grasso localizzato e della cellulite in alcuni casi può essere visibile e misurabile già dopo il primo trattamento

I risultati raggiunti dopo un ciclo di sedute di cavitazione e ultrasuoni, che in fase iniziale si effettuano a distanza di una settimana l’una dall’altra, possono essere così sintetizzati:

riduzione della circonferenza dei fianchi, dell’addome, delle cosce e in generale di ogni area trattata, più evidente se il paziente abbina alle sedute una moderata attività fisica e adotta una dieta adeguata, bevendo molta acqua durante il giorno

distensione di cute e tessuti: insieme all’evidente perdita di centimetri, dona un visibile miglioramento dell’aspetto delle aree trattate, pelle più tonica e elastica grazie alla stimolazione del collagene

attenuazione della cute a buccia di arancia, dei noduli e della fibrosi che accompagna la cellulite in fase avanzata, grazie alla rottura dei setti fibrosi e dei noduli formatisi in profondità

minore ritenzione idrica, grazie alla riattivazione del microcircolo e del circolo linfatico.

Il consiglio è effettuare un approfondito consulto preliminare, per stabilire con certezza se la cavitazione può essere risolutiva nel nostro caso specifico, in caso affermativo creare un protocollo personalizzato e pianificare il numero di sedute necessarie, con i relativi costi.
Durante il consulto il medico si accerta che il trattamento sia idoneo e che non esistano controindicazioni specifiche, prendendo in considerazione i fattori più importanti, come lo stato di salute del paziente, l’età e le caratteristiche fisiche, gli eventuali problemi circolatori o ormonali che possono aver giocato un ruolo nella formazione della cellulite, la presenza di particolari condizioni o patologie in atto che potrebbero rendere il trattamento inefficace o dannoso per il paziente.